Storie

Nella farina Gluten Friendly™, i saggi immunologici non riconoscono gli epitopi tossici della celiachia.
Con questi risultati sulla drastica riduzione di cross-reattività con gli anticorpi, abbiamo coinvolto l’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo. E abbiamo iniziato il nostro primo studio clinico, insieme a 50 pazienti celiaci che hanno mangiato pane Gluten Friendly™ tutti i giorni per tre mesi.
Lo studio è stato condotto con i finanziamenti dell’Unione Europea attraverso il programma SME Horizon 2020, e grazie al supporto del nostro partner industriale, Gruppo Casillo. Un grande sforzo di squadra di cui andiamo fieri.
Ringraziamo tutti i volontari per il loro tempo ed entusiasmo. E con grande piacere vi presentiamo alcune delle loro storie.

Fatima Fatone

La ricerca è l’unica cosa che può migliorare qualsiasi forma di patologia. Se quello che io sto facendo potrà servire alle generazioni future, per quella particella millesimale che io posso dare di contributo per la società , questa cosa mi onora e mi fa molto piacere.

Guarda il video >
Siro Marasco

Bisogna fare un distinguo importante tra chi sceglie di mangiare senza glutine, e chi invece è costretto a mangiare senza glutine.
Chi è celiaco per natura ha una necessità. Chi vuole mangiare senza glutine è una velleità, una cosa diversa.

Guarda il video >
Serena Modugno

Una difficoltà che ho riscontrato dall’inizio è l’impossibilità di scegliere. Io, se voglio un cornetto, non posso girarmi a cercare il primo bar. Devo necessariamente andare in quello che so che li fa senza glutine. Ed ancora oggi, sono pochi.

Guarda il video >
Ilenia Notarangelo

Il problema non è soltanto negli alimenti, ma anche dentro cose che magari tu non ti aspetti. Noi ingeriamo, certo, cibo però quante volte siamo stati male? Quindi anche la contaminazione stessa è un fattore in più, a cui il celiaco deve stare attento.

Guarda il video >
Bernardo De Sio

Quando ci riuniamo tutti quanti, noi siamo in sette celiaci, e da mangiare diventa un pochino problematico. Specialmente quando usciamo fuori dal guscio di casa. Molte volte portiamo la pasta noi, portiamo il pane noi. All'inizio mia moglie portava anche le teglie.

Guarda il video >
Antonio Chiappinelli

Una persona che per 40 anni ha mangiato di tutto… E trovarsi a non poter più mangiare il pane, a non poter più mangiare la pasta… Pensare che il grano, la cosa più naturale, la cosa più semplice al mondo, mi possa far del male… Non riesco a concepirlo.

Guarda il video >